La Moxa è facilmente conosciuta in ambito ostetrico come trattamento non invasivo per invitare i bambini podalici a fare la “capriola” ed evitare un taglio cesareo se non lo si desidera. Solitamente si può iniziare il trattamento dalla 34° settimana stimolando un punto specifico del piede (chiamato moxa), che secondo la medicina cinese corrisponde  all’utero. In sinergia con   posture specifiche  ed esercizi si aumentano le possibilità di aiutare il nostro bambino a “mettersi a testa in giù” o in posizione per il parto. 

Leave a Comment

Contattami

Salve, al momento non sono in linea, ma lasciatemi un messaggio e vi ricontatterò a breve! Grazie!

0

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca